Mon agenda de sorcière 2018 traduit en Italien – éditions ARMENIA

LA MIA AGENDA WICCA 2018

  Autore: DENISE CROLLETERZAGHI

  EAN: 9788834431870

 Pagine: 112

 Prezzo: € 11,48

Anteprima 1 Una splendida agenda di medio formato piena di ricette insolite, pozioni magiche, piante, talismani e amuleti offrirà ai lettori un anno ammaliante! Agenda Wicca 2018 è allo stesso tempo pratica e conveniente!… Con le sue dimensioni medie, può scivolare agevolmente in una borsa ed è appositamente studiata per organizzare programmi settimanali. Ogni doppia pagina riporta lo sviluppo della settimana, con tutte le informazioni utili: feste da celebrare, alba e tramonto, le fasi lunari e lo spazio per annotare i propri appuntamenti. Ogni settimana, inoltre, riporta una pianta e una ricetta magica, consigli, trucchi per le streghe e una massima di saggezza per trascorrere un indimenticabile 2018.

Il Gruppo Editoriale Armenia, già Armenia Editore, fondato da Giovanni Armenia nel 1972, è tra le prime case editrici nel panorama editoriale italiano ad aver contribuito alla diffusione e allo studio di tutti quei fenomeni occulti che sfuggono alla realtà scientifica, ma che da sempre suscitano la curiosità dell’uomo, che vi cerca e vi ha cercato una risposta ai grandi ed eterni interrogativi che lo assillano.

Le ipotesi, le spiegazioni, gli approfondimenti sono affidati ai tanti volumi pubblicati: la collana «Biblioteca di Astrologia» offre, ad esempio, gli strumenti per decifrare le influenze delle stelle, mentre «L’uomo e l’ignoto» affronta i grandi misteri del paranormale.

Non mancano poi pubblicazioni sui diversi metodi di divinazione, dai tarocchi alla chiromanzia, sull’angelologia e sulla spiritualità in generale, il tutto proposto con un linguaggio rigoroso e divulgativo. Riguardo alle creature di luce, in particolare, la collana «Sotto le ali degli angeli» ha dato spazio ad autori come Doreen Virtue, Alexa Kriele, Anna Fermi e Kimberley Marooney, che hanno incontrato un lusinghiero successo di pubblico.

Il Gruppo Editoriale Armenia si è distinto anche per la tempestività e la spinta innovatrice delle proprie iniziative, facendosi portavoce, ancora una volta tra i primi nel nostro paese, del pensiero positivo e più in generale dei vari filoni letterari legati alla New Age. La casa editrice è stata la prima a portare in Italia gli autori Louise L. Hay ed Eckhart Tolle e il fondamentale Corso in Miracoli. È così che ha visto la luce una ricca messe di testi sulla medicina alternativa, sulle tecniche di autoguarigione, sulla visualizzazione creativa e sulla meditazione, con l’obiettivo specifico di fornire un approccio globale alla cura e al benessere del corpo, della mente e dello spirito.

Tra le pubblicazioni del Gruppo Editoriale Armenia figura anche una nutrita serie di romanzi fantasy. La casa editrice ha saputo raccogliere via via le simpatie di un pubblico vasto quanto variegato proponendo cicli fondanti quali Le Cronache e La Trilogia degli Elfi Scuri, rispettivamente parte integrante dei marchi Dragonlance e Forgotten Realms. Autori come Margaret Weis, Tracy Hickman, R.A. Salvatore e Steven Erikson con la saga epica La Caduta di Malazan, o autori del calibro di Bernhard Hennen, che con Gli Elfi si è consolidato come esponente di spicco della nouvelle vague del fantasy europeo, sono giustamente assurti alla notorietà anche in Italia grazie proprio alle coraggiose iniziative editoriali della casa editrice.

A partire da gennaio 2015 il Gruppo Editoriale Armenia, diventato ora Armenia srl, è stato acquisito da Il Castello Editore e Rusconi Libri e continuerà la sua produzione seguendo la sua identità storica di casa editrice esoterica.

 

 

Mon agenda de sorcière 2018 ! Vite, vite … Il est déjà en librairie !

Pour celles et ceux qui l’attendaient, le voici tout beau tout neuf avec un contenu entièrement renouvelé par rapport à 2017 et 2016.

Belle découverte à tous ceux qui ne connaissent pas encore mes super pouvoirs !

Un livre sans coup du sort

est-repubicain-8dec15

Parution: l’Est Républicain – 8 Décembre 2015

Texte et photo: Karine Frelin